6 risposte a “Non saranno mai abbastanza.

  1. Si parla tanto di aiutare chi e’ in difficolta’ e di integrazione…Ma vedo che nulla e’ cambiato…Il diverso da’ fastidio,e’ piu’ facile evitarlo che conviverci…Buona Pasquaaaaaa !!!PS ma da te si usa fare la “pastiera” napoletana?io l adoroooo!!!

  2. io non capisco come queste cose succedano ancora. Ci sono genitori che si fanno aiutare dagli psicologi nel fare il loro mestiere di genitori con i figli con qualche difficoltà, medici che collaborano per fare il loro meglio con questi bambini. Sento sempre di insegnanti coi paraocchi che non accettano consigli e mettono al di sopra di tutto il rendimento scolastico. Ma quanto è indietro la nostra scuola? Ma dobbiamo pensare che i nostri insegnanti (si, so benissimo che spesso fanno un buon lavoro, poco riconosciuto e mal retribuito) sono poco preparati, o che sono volontariamente incattiviti dalle loro difficolta? scusa lo sfogo ma vengo da esperienze personali (o quasi) tristemente simili a quelle del tuo post. Ti auguro una pasqua serena

  3. Io insegno nella scuola superiore, e ti assicuro che mi è capitato più volte di avere alunni con deficit più o meno gravi. Senza sostegno. Non ce la fanno, non migliorano, si impegnano, forse, ma non è abbastanza. Io mi ci metto con la santa pazienza, faccio un percorso differenziato, mi accontento del minimo, anzi di briciole di minimo, ma nemmeno quelle, e così i miei colleghi. Si è provato a promuoverli, vediamo, magari l’anno dopo la motivazione li spinge a cercare di fare un pò di più…macchè. E così si è deciso, spesso, di fermarli. Impossibile dare un diploma, indifferenziato, a ragazzi così. Non è eticamente e professionalmente lecito. Non so se alla scuola media è diverso, questa è la mia esperienza alla superiore. Mi dispiace che pensi così degli insegnanti, forse anche loro si trovano di fronte a questo dilemma. Credi che non sappiano che ha fatto dei progressi? Credi che non si siano poste il problema, il dilemma? Evidentemente si sono accordate a bocciarlo. Ripeto, non so se davvero questo ragazzo possa esserne turbato a tal punto da fare gesti inconsulti, nel qual caso non è da sottovalutare una perizia medica, un parere della psicologa. Sono casi difficili, laceranti.

  4. ciao Xelma. il parere della psicologa lo abbiamo: è in cura e sappiamo bene di cose è capace. Le tue remore da insegnante le capisco benissimo, specie alle superiori. Non so cosa dire, davvero, ma ci penserò. grazie.

    abbraccio tutte le commentatrici e Giuli, sì, che gliel’ho detto. E se mi fa di nuovo la solfa gli dirò: anche lagiulia è d’accordo con me! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...