7 risposte a “libri e penne

  1. è una possibilità.
    ma tu le hai risposto “e se improvvisamente migliora?”

    lo so, non serve a molto, ma bisogna essere forti e positivi.

    un abbraccio,
    michele

  2. E’ normale che ti abbia risposto cosi.Ad un genitore non basta che stia meglio,vuoi sentire le parole “E’ fuori pericolo”.Perche’ il macigno che hai dentro si sbricioli bisogna aspettare.Intanto abbraccio forte il tuo piccolo paziente.Ciao Roby…

  3. bisognerà spiegargli, al ragazzino, come sono andate le cose.
    Quando gli verrà il dubbio di avere lui qualcosa che non va, perché con una malattia così è un dubbio che viene.
    Bisognerà dirgli che una volta vicino ai paesi c’erano le bestie feroci. In certi posti le tigri. In mare gli squali. Che non erano nè buoni nè cattivi, ma a volte assalivano le persone. Le persone non avevano colpa, ma a volte capitava.

    Ecco, ragazzino. La malattia è così. È una forza della natura come un terremoto o un fulmine. È come se ti avesse assalito una tigre, a tradimento. Ti ha ferito e ti teneva stretto.
    Ma tu hai lottato, tua mamma è corsa da te, i dottori sono accorsi.
    Avete lottato insieme, contro questa belva, e state combattendo ancora.
    È come se ti avesse aggredito uno squalo.
    E tu sei ancora qui.

    E tu avresti qualcosa che non va?

    ciao ragazzino,
    Lapis

  4. Ti leggo da sempre, ma non ho mai avuto motivo di scrivere.
    Ci sono passato, e serve avere qualcuno vicino che ti voglia bene. Può migliorare. Spero che migliori. E’ una brutta bestia, la malattia, ma si può uscirne. Anche se è una cosa indubbiamente lunga e dolorosa.
    Quando puoi vai a trovarlo, portagli qualcosa che gli piaccia e lo distragga un po’. Gli hanno spiegato cosa ha, o non ancora?
    Ha tutta la mia solidarietà. Vi sono accanto, a te, a lui, alla sua famiglia.

    Mazhe

  5. ciao a tutti e grazie di cuore.
    lapis, sono davvero belle le tue parole! grazie.
    colgo l’occasione per salutare e ringraziare tutti gli affezionati lettori silenti che passano di qui a leggermi.
    r

  6. Puoi darci delle notizie per piacere? Anch’io sono atea, ma non c’è stato un giorno da quando ho letto il tuo post di prima in cui non ho pensato al tuo paziente. Leggo spesso per vedere se ci dai le sue notizie.
    Li penso forte lui e sua mamma!

    cktc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...