Fuori razza.

Sala d’aspetto, bambino che ha finito la  terapia corso in macchina con la sorellina grande e io che invito la gentile genitrice a parlare con me. Domani abbiamo la riunione con la scuola, esordisco. Ci dovresti essere: sarebbe utile. La signora dondola la testa, dice che non può per mille motivi e ragioni e poi ci sono io e lei si fida di me. Penso che la ringrazio della fiducia ma penso anche che questa cosa qui mica è buona. Insomma, sorrido. C’è qualcosa in particolare che vuoi dire alle insegnanti, domando. Sì, dice convinta la signora. Inizia: "Quelle dicono che mio figlio è scostumato e che disturba e non capisce niente di scuola ma non è vero perchè mio figlio è solo vivace. Mio marito da piccolo non capiva niente di scuola e era vivace uguale: me l’ha detto mia suocera. Il padre di mio marito da piccolo non capiva niente di scuola e era vivace uguale, me l’ha detto lui stesso. Io da piccola non capivo niente di scuola e ero vivace uguale." La sorellina, domando. Ah, risponde la signora, quella no: è brava e sta sempre sui libri. Noto del disappunto nella voce. E’ contenta per questo, domando. Sì, fa distratta, ma ogni tanto io e il padre la vediamo troppo sui libri e ci chiediamo di chi abbia preso. La signora continua.

E’ troppo fuori razza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...